Stampa

Comunicato stampa

UN EVENTO STRAORDINARIO - Itinerari 2009

Si connota come evento straordinario la XII edizione degli “Itinerari Gramsciani” che si realizzerà a Plataci il 19 luglio 2009.

L’Istituto Mezzogiorno Mediterraneo ha colto l’occasione del decennale della promulgazione della Legge 482 di salvaguardia delle minoranze linguistiche per mettere a confronto studiosi, docenti, poeti, per un bilancio su ciò che è cambiato con la legge di salvaguardia e per esaminare attività e differenze con le altre minoranze europee e nei Paesi del Mediterraneo.

In questo ambito sarà fatto un esame delle caratteristiche, delle lotte sociali e democratiche e del ruolo unitario degli arbëresh, quali valori positivi caratterizzanti.

 

L’importanza internazionale dell’iniziativa è sottolineata dalle personalità presenti che riferiranno su tematiche programmate.

Oltre al presentatore della Legge, On. Mario Brunetti, saranno presenti i due relatori alla Camera e al Senato, l’On. Domenico Maselli ed il sen. Felice Besostri, e, poi:

 

·        Mercedes Frias, uruguaiana,

·        Pllumb Xhufi, albanese,

·        Giorgio Liguori, docente universitario,

·        Matteo Mandalà, docente universitario,

·        Giovanni Russo Spena, costituzionalista,

·        Carlo Giuseppe Siciliano, storico,

·        Mario Bolognari, antropologo,

·        Francesco Altimari, linguista,

·        Luan Starova, poeta Accademico delle Scienze di Macedonia,

·        Gëzime Starova, Membro della Corte Costituzionale della Repubblica di Macedonia.

 

Sarà, inoltre, presente Rosario Olivo, Sindaco di Catanzaro, della Comunità valdese..

 

Il Convegno sarà preceduto da iniziative preparatorie, tra cui una a Lungro, sulle lotte democratiche degli arbëreshë e l’altro a San Demetrio Corone sulla presenza italo-albanese nel parlamento Italiano, con particolare riferimento a Domenico Mauro.

La manifestazione del 19 luglio si concluderà con una tavola rotonda in piazza, a cui prenderanno parte Brunetti, D.Guagliardi, R. Olivo, D. Laudadio e G. Russo Spena.

L’UFFICIO STAMPA DEL MEME